Italiani in Brasile, Porta e Sereni (Pd) visitano comunità italiana a San Paolo

Fabio Porta san paoloDopo la tappa più istituzionale di Brasilia, la vicepresidente della Camera dei deputati Marina Sereni si è spostata a San Paolo per una intensa agenda di incontri a livello politico, sociale ed economico. Accompagnata dal presidente del Comitato permanente per gli italiani nel mondo e la promozione del Sistema Paese Fabio Porta, Sereni ha incontrato anche a San Paolo esponenti di tutte le forze politiche impegnate nella campagna elettorale per le prossime elezioni presidenziali di ottobre in Brasile.

Particolare centralità è stata data agli incontri con i rappresentanti della nostra grande collettività; la delegazione parlamentare, integrata dal senatore Fausto Longo e dalla deputata Renata Bueno (entrambi residenti in Brasile) ha così incontrato il presidente della Camera di commercio italo-brasiliana Edoardo Pollastri e i componenti del consiglio direttivo dello stesso organismo e si è poi riunita con i rappresentanti del Comites, del Cgie e delle associazioni italiane presso il Circolo Italiano di San Paolo, accolti dagli interventi di saluto del nuovo console Michele Pala e della presidente del Comites Rita Blasioli Costa.

“La presenza della vicepresidente della Camera dei deputati in Brasile – ha detto Porta – ha confermato la grande attenzione del Parlamento italiano ai problemi della nostra collettività insieme alla convinzione che la grande comunità italiana del Brasile costituisce una grande opportunità di crescita e di espansione per il potenziale culturale, commerciale ed economico del nostro ‘Sistema Italia’”. “Le prossime elezioni dei Comites – ha aggiunto il deputato del Pd – sono state al centro dei nostri incontri con le autorità diplomatiche e consolari e, ovviamente, con i rappresentanti della collettività; votare entro il 2014 è un grande successo ed un risultato politico importante, dovuto da una parte alla mobilitazione delle nostre rappresentanze democratiche e dall’altra alla sensibilità di un governo attento alle nostre istanze”. “Adesso non è il momento di critiche o lamentele – ha concluso il presidente del Comitato – ma quello di ‘rimboccarsi le maniche’ e lavorare a testa bassa per una informazione capillare che consenta al maggior numero di persone possibile di conoscere il nuovo meccanismo di voto e quindi iscriversi alle liste elettorali per partecipare a questo importante esercizio di democrazia”.

Fonte: Italia Chiama Italia (quotidiano on line)